DOMANDE FREQUENTI

Si possono fare adozioni? 

 

Rendere possibili le adozioni significherebbe privilegiare alcuni bambini e lasciarne indietro altri. Noi dell’associazione italiana, in accordo con la fondazione argentina, preferiamo optare per soluzioni che ci permettono di distribuire l’impegno e le risorse al maggior numero di bambini possibile. 

Se desideri contribuire, è possibile “adottare” la nostra causa piuttosto che un singolo bambino. Per avere maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare l’area dedicata del sito.


 

Possiamo spedire oggetti/vestiti? 

 

Per molti anni l’associazione ha fatto da tramite per l’invio di materiale usato dall’Italia alle sedi della fondazione in Argentina, recentemente però una nuova legge rende impossibile la ricezione nel territorio argentino di qualsiasi materiale usato (vestiti, giochi, scarpe etc).

Per questa ragione, le donazioni monetarie che arrivano dall’Italia vengono utilizzate, tra le altre cose, anche per sopperire all’impossibilità di ricevere donazioni di questo tipo.

 

Perché le famiglie non si spostano nelle città? 

La fondazione non desidera in alcun modo imporre il suo operato alle persone che ne beneficiano. Queste famiglie non hanno richiesto il nostro aiuto al contrario, siamo noi che speriamo, con il nostro lavoro, di alleggerire le loro difficoltà.

Per questo motivo, sebbene lo spostamento verso aree maggiormente urbanizzate potrebbe apparire come una risoluzione più efficace, si rivela irrealizzabile.

Per le popolazioni andine, le città e i villaggi sono luoghi di difficile insediamento, a causa delle grandi divergenze culturali e degli stili di vita difficilmente conciliabili.

Costringere una di queste persone a spostarsi in città significherebbe portarlo in un luogo dove non vuole stare, dove non conosce nessuno e che reputa pauroso, con il rischio di conseguenze estremamente spiacevoli, tra le altre l’abuso di alcool o sostanze stupefacenti.